Non è colpa tua.

Esiste un’azione apparentemente semplice, ma in realtà molto complessa: il curare.   Può sembrare paradossale parlare del curare invece che del problema (qualunque esso sarà, di volta in volta) di cui questo si occupa, soprattutto in un periodo di pandemia: con l’occhio lungo della filosofia è davvero possibile compiere ogni tipo di misfatto e di scelta, apparentemente, insensata. Il curare presuppone uno o più esseri viventi (ci si può curare anche da soli) ed uno stato non ottimale di salute, (…)

Meditare? Non serve a niente!

Titolo provocatorio, non c’è che dire. Si tratta di un’intervista, la prima al nostro autore (di solito le fa lui), organizzata dalla professoressa Ines Testoni dell’Università degli Studi di Padova ed avente come tema “Realtà è ciò che muta“, il primo libro di Filosofia Clinica. Di certo non ce lo aspettavamo, ringraziamo per l’opportunità davvero unica, anche perché l’intervista è entrata a far parte di un importante raccolta (Catalogo delle Perdite e dei Ritrovamenti in Tempi di Covid) di interventi (…)

Ansia

Non pensate di essere i soli. I provvedimenti dei governi, in ogni angolo del Pianeta che abitiamo, inevitabilmente iniziano a creare qualche problema. L’ansia è uno di questi. La costrizione la genera, ci fa sentire prigionieri. La realtà è che di fatto lo siamo: le forze di polizia sorvegliano le strade e non ci possiamo muovere, se non per “comprovate necessità”. Tutto giusto, certo: si contano ormai decine di migliaia di morti. Ma quando torneremo a poter vivere come facevamo (…)

Parole per ottenere

In questa delicata fase delle nostre vite (ammesso che sia solo tale e che non diventi la nuova norma) assistiamo a quello che sembra un utilizzo strumentale delle parole. Certo, quando mai l’utilizzo dei termini non è “strumentale”? Il linguaggio d’altra parte è un mezzo per comunicare. A volte però diviene più spiccatamente un modo per “far fare” qualcosa ad un altro, precisamente al nostro interlocutore. Se una persona si ammala, spesso si dice che sta “combattendo” la malattia, che (…)

Meditare: non funziona.

No, non è un titolo provocatorio. In questi giorni, lo potete leggere un po’ su tutti i giornali (anche su quelli seri), più o meno tutti i siti web che propongono “esercizi di meditazione” sono presi d’assalto. La meditazione, almeno intesa in questo modo, non funziona. Non si medita per rilassarsi, non si medita per essere felici. Se volete rilassarvi guardatevi una serie TV, se volete essere felici cercate di pensare a cosa vi impedisce di esserlo. Può già rappresentare (…)

Rilassarsi. Come?

Sembra un paradosso. Eppure “ordinarci” di rilassarci quando si è molto agitati è (in piccolo) un po’ comparabile a quello che accade quando si dice “calmati!” a qualcuno che si sta arrabbiando: si ottiene il meraviglioso risultato di portarlo immediatamente dall’agitazione all’ira. D’altra parte, perché mai imponendomi di rilassarmi dovrei riuscirci? Esistono delle ragioni precise, anche se magari non le conosco tutte, che mi hanno portato a sperimentare una sensazione spiacevole, di agitazione o di ansia. Cosa si fa di (…)

Giorni alla finestra

Sono passati giorni, poi sono trascorse delle settimane. Alla televisione avevano parlato di un breve periodo, ma adesso abbiamo capito che non sarà così. Diventa sempre più difficile. Chi vive da solo inizia ad avvertire la mancanza dei suoi momenti fuori casa, chi vive con altre persone può invece sperimentare una sensazione di irrequietezza, per la troppa prossimità. Realtà è ciò che muta può aiutarvi a trasformare questo periodo in una occasione di cambiamento. Un libro che racchiude un percorso: (…)

La vita in una stanza

Certo, siamo bravi, responsabili e restiamo chiusi in casa. Sappiamo che facendo così, riducendo gli spostamenti al minimo necessario, riducendo anche il minimo necessario al suo minimo, possiamo essere d’aiuto e ridurre il contagio. Ma quanto possiamo reggere? Lì fuori la primavera esplode, letteralmente. Forse è la stessa primavera che abbiamo passato l’anno scorso, domenica dopo domenica, nei centri commerciali. Però adesso che non possiamo più averlo, che non possiamo più darlo per scontato, ci manca il profumo dell’erba, ci (…)

Sa dove colpire

La porta si apre. Ci sono tutti. Le festività sono l’occasione per ritrovarsi, dopo molto tempo, insieme. La famiglia le è mancata tanto, a volte in modo straziante. Avvertiva una sensazione che deve essere quella, pensava, di un tronco a cui abbiano tolto la terra. Radici nude, all’aria, senza calore alcuno, senza riparo, protezione. Ora sono davanti a lei e gli occhi non possono che riempirsi di gioia fatta lacrime lievi, com’è la pioggia in primavera per l’erba, dopo giorni (…)

Il migliore

Andava tutto bene. Poi è arrivato un giorno diverso. Da quello in poi sarebbero stati tutti così, tutti uguali. Si richiuse. Richiamò a sé i suoi petali, incurante del sole. Aveva solo un desiderio: ritrarsi. Tagliare ogni contatto, smettere, impedire: divennero desideri ossessivi, violenti. Ogni volta che sentiva di essersi fatto più difficile da raggiungere avvertiva, distintamente, un brivido che però non riusciva a definire. Nella musica esistono accordi maggiori ed accordi minori. Capire cosa ci comunicano è facile, ce (…)